venerdì 19 febbraio 2016

Cappelletti romagnoli - 3 versioni




Ci sono varie ricette di questo primo piatto, ognuno dice di avere la ricetta originale...
comunque sono tutte buone, alcuni ripieni sono più laboriosi alcuni meno.
Io riporto 3 ricette che faccio spesso.


CAPPELLETTI DI CARNE
Ingredienti:
per 3/4 uova di sfoglia
300 gr di ricotta (si può fare metà ricotta e metà casatella o stracchino)
50 gr di grana
1 fette di mortadella
1 lonza piccolina
1 uovo
sale, pepe
noce moscata


Cuocere la lonza in padella e tritarla, tritare la mortadella e nella ciotola aggiungere gli altri ingredienti, mescolare bene aggiungendo anche l'olio dove ha cotto la braciola.

Si può fare la sera prima per far legare meglio i sapori.

Fare la sfoglia e tirarla abbastanza sottile (al penultimo buco della macchinetta) poi tagliare a quadrettini riempire con il composto e formare i cappelletti piegando prima a triangolo e poi unendo i due lati esterni.



CAPPELLETTI DI FORMAGGI

Ingredienti:
per 4 uova di sfoglia
300 gr di ricotta
150 gr di casatella o squaquerone un pò duro
200 gr di grana
sale, pepe
noce moscata


In una ciotola mescolare bene tutti gli ingredienti.

Si può fare la sera prima per far legare meglio i sapori.

Fare la sfoglia e tirarla abbastanza sottile (al penultimo buco della macchinetta) poi tagliare a quadrettini riempire con il composto e formare i cappelletti piegando prima a triangolo e poi unendo i due lati esterni.



CAPPELLETTI DI FORMAGGIO E MORTADELLA

Ingredienti:
per 3 uova di sfoglia
200 gr di ricotta
130 gr di casatella o squaquerone un pò duro
70 gr di mortadella
80 gr di grana (o 50 gr di grana e 20 gr di reggiano)
sale, pepe
noce moscata


Tritare la mortadella, in una ciotola mescolare bene tutti gli ingredienti.

Si può fare la sera prima per far legare meglio i sapori.

Fare la sfoglia e tirarla abbastanza sottile (al penultimo buco della macchinetta) poi tagliare a quadrettini riempire con il composto e formare i cappelletti piegando prima a triangolo e poi unendo i due lati esterni.

2 commenti:

  1. che favola...la mia nonna ne faceva a tonnellate e non sono stata capace di imparare a farli buoni come lei

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelli delle nonne sono davvero speciali :)

      Elimina